Le Tabelle

In sintesi

Come per le altre applicazioni basate su DB (uso di banche dati), vi è un ampio utilizzo di Tabelle, in cui si codificano dei valori (in genere delle anagrafiche: la casa, il telefono, la persona, ecc.) poi richiamati nei Movimenti.
Meglio caricare, coi propri dati, le Tabelle chiamate “Iniziali”, nell’ordine in cui compaiono, prima di caricare i Movimenti. Si può fare direttamente entrando alla VoceMenù “Tabelle” oppure seguendo il percorso “guidato”, suggerito all’apertura del Programma.
Comune a tutte le Tabelle vi è l’Ordinamento (serve per forzare l’ordine con cui compariranno nelle liste di scelta) e il Dismesso (quando un valore di tabella non serve più; non si vuole cioè che compaia ulteriormente nelle liste di scelta).
Sono suddivise in: Iniziali (meglio caricarle prima dei Movimenti), Precaricate (sono già caricate e non se ne possono aggiungere né cancellare; si possono solo cambiare dei Parametri), Aggiungibili (alcuni elementi Precaricati e non cancellabili; altri possono essere aggiunti), Operative (a cura dell’Utente, con qualche Elemento già caricato).

In dettaglio

Le Tabelle sono dei supporti molto utilizzati nelle applicazioni basate su Banche Dati, come è iPase.

In Tabella vanno dei valori spesso richiamati dall’applicazione.
Ad esempio, se metto in Tabella un Codice che mi identifichi una mia auto, per ogni spesa che farò su quell’auto, sceglierò da una Lista di auto (se ne ho più di una), tra cui comparirà anche questa.
E’ come dire il mio Codice Utente in Enel, il mio Codice Cliente in Banca, la targa di un’auto; è un modo per identificare, sempre allo stesso modo, una certa cosa.
I nomi che attribuiamo (max di 10 caratteri) devono dunque essere facili da ricordare e facilmente associabili all’oggetto, evitando i codici.
L’ideale, è come in genere si chiama in casa quella cosa (o persona): la “Volvo”, il ”Nokia”, il “GasMare”, la “CartaOro”, ecc.

Anche se può sembrare una perdita di tempo, caricare inizialmente le Tabelle (quelle chiamate “Iniziali”, nell’ordine in cui compaiono), nel tempo si rivelerà molto utile, anziché caricare dei Movimenti (cosa possibile) senza avere Precaricato queste Tabelle; con una certa attenzione, per la quale, in ogni caso, non serve poi così tanto tempo.

Per accedere alle Tabelle pigiare sulla VoceMenù “Tabelle”.

Non è necessario riempire tutti le informazioni richieste in queste Tabelle; la stragrande maggioranza si può aggiungere in un secondo tempo o non mettere per niente; la filosofia è sempre la stessa: mettere solo ciò che si pensa possa servire.
Solo alcune (pochissime) informazioni sono necessarie: principalmente il Nome.
Meglio se si trova anche una icona (simbolo grafico) da associare a ciascuna Tabella, prendendo tra quelle fornite (pulsante destro del mouse) o scegliendo direttamente noi, magari tra le foto che abbiamo, magari da immagini prese da Internet, ecc.

L’Ordinamento, presente in ogni Tabella, serve per decidere l’ordine (altrimenti alfabetico) con cui compaiono nelle Liste da cui poi si sceglierà.
L’Elemento più usato, di quella Tabella, va messo con Priorità.
Per esempio, avendo la casa dove si abita tutto l’anno, e la casa al mare dove si va saltuariamente, conviene mettere l’Ordinamento in quella di città (se non l’ha già, per via dell’ordinamento alfabetico).

Il Dismesso, presente anch’esso in tutte le Tabelle, serve per non fare più comparire nelle varie scelte (compare ugualmente, ma in basso e di colore diverso) quell’Elemento.
Serve quando ho registrato, ad esempio, tutta una serie di Movimenti (basta anche uno) di spese su un’auto e poi la vendo; non posso cancellare quell’auto dalla Tabella “Mezzi di trasporto”, perché ci sono dei Movimenti che riportano a quell’auto, ma non voglio che quell’auto mi compaia ogni volta che faccio un nuovo Movimento di spesa per le auto che uso ora.

Le varie Tabelle (per ora sono una ventina) sono state suddivise in: Iniziali (sono vuote; sono quelle che sarebbe meglio caricare sin dall’inizio), Precaricate (gli Elementi di queste Tabelle sono già caricati, non se ne possono aggiungere né cancellare; al massimo, in alcune, si possono cambiare dei Parametri), Aggiungibili (alcuni Elementi sono Precaricati e non cancellabili; altri possono essere aggiunti dall’Utente), Operative (totalmente a cura dell’Utente, anche se qualche Elemento è già caricato); diversamente da quelle Iniziali, di norma sono utilizzate nell’operatività quotidiana, nel senso, per esempio, che non so all’inizio quali Commesse utilizzerò, per cui le inserirò via via che me ne serve una nuova.

I commenti sono chiusi