Da foglio Excel

In sintesi

Se iPase non è il primo programma che si usa per gestire i propri conti, potrebbe essere utile recuperare i dati passati.
Oppure, quando arriva l'estratto conto di Autostrade (per esempio) vorrei poter far entrare ogni singola spesa di viaggio, senza doverle ridigitare una a una.
L' "Importazione da Excel" (o compatibili) permette di ridurre al minimo il tempo e la difficoltà per effettuare queste operazioni; presuppone una buona conoscenza di Excel base.

In dettaglio

  • Serve per importare dati, direttamente dentro iPase, da un foglio Excel (o compatibili, tipo Open Office); è utile se si anno registrazioni di un passato pre-iPase, registrate con programmi che abbiano la possibilità di esportare su foglio Excel, oppure memorizzate direttamente in un foglio Excel. Un'attività Una Tantum.
  • Può essere utile anche per attività ricorrenti; per esempio per importare i dati dall'estratto conto di Autostrade; una volta predisposto il modello di conversione, lo si memorizza; è così già pronto per altre importazioni da estratti conto successivi (sempre ovviamente di Autostrade). Stessa cosa potrebbe essere per Carta di Credito, Banche, ecc. Per ciascuna si memorizza il suo "modello di importazione". Attenzione però che se per Autostrade (per esempio) la Voce è facilmente individuabile, per Banche e Carte non sempre lo è. Però, per esempio quello per le Banche, si potrebbe usare per importare quelle spese di cui non abbiamo l'evidenza se non dall'estratto conto, tipo "Spesa Bonifico" o "Spesa RID", "spesa Estratto Conto", "Bollo", ecc.
  • La struttura del foglio Excel di importazione deve ricalcare uno standard che abbiamo definito, dove è chiaro quali dati si possono importare e che "Voci" e "Pagamenti" devono coincidere con quelle di iPase.
  • Andando nel sito iPase, alla pagina dei manuali https://www.ipase.it/supporto/manuali/ si trova il bottone che porta alla pagina dedicata a questa attività. Vi si trova un'introduzione e la possibilità di scaricare due modelli di foglio Excel che possono aiutare sia a capire cosa si deve fare che a farlo più in fretta; i modelli sono due perché uno più orientato all'importazione (UNA TANTUM) e l'altro (MOLTI) a importazioni più ricorsive. All'interno di entrambi vi è una dettagliata spiegazione dell'uso.
    E' comunque possibile costruirsi il foglio di importazione come si vuole (cioè senza usare i nostri due modelli), purché vengano rispettate le regole che abbiamo definito.

I commenti sono chiusi.